Progetto SUSTANZEB

Proof of Concept Projects - D.D. del 2 marzo 2018 n. 467





Brevetto SUBERWALL

Il brevetto del prototipo edilizio realizzato durante il progetto SUBERWALL è stato depositato presso il Ministero dello Sviluppo Economico Ufficio Italiano Brevetti e Marchi il 08/02/2016 con il numero n.102016000012576 (UB2016A000547) Tipologia: Innovazioni. L’invenzione oggetto di brevetto trova applicazione nel settore tecnico dell’edilizia prefabbricata e per strutture in aree ad alto pregio naturalistico e ambientale o per ricoveri di emergenza temporanei ed ha per oggetto una struttura portante in legno di tipo modulare facilmente assemblabile e un tamponamento in pannelli modulari multistrato in agglomerato di sughero ad elevate prestazioni termiche aventi un’anima interna strutturale. Scopo della presente invenzione è quello di superare i limiti dello stato dell’arte e di comporre con i fogli di sughero naturale pressato un elemento autoportante di tamponamento. Tale invenzione permette di costruire il modulo edilizio semplicemente incastrando i pannelli di sughero, senza rendere necessaria la presenza di elementi murari preesistenti.


CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
Il modulo edilizio oggetto di brevetto ha come scopo principale quello di realizzare una struttura edilizia modulare che possa usufruire delle caratteristiche termiche tipiche del pannello sandwich in sughero e legno studiato durante la sperimentazione in situ nel Progetto SUBERWALL. Il pannello modulare tipo, di 90x90 cm circa, è stato realizzato impiegando due strati di sughero posti ai lati estremi, distanziati, da un pannello OSB centrale, mediante listelli in legno, con funzioni di rinforzo e creazione di intercapedini d’aria, aumentando così le caratteristiche coibentanti dell’intero pannello sandwich. Questi ultimi sono utilizzati indistintamente come partizione verticale o come elemento di copertura. Il telaio in legno è stato realizzato con tavole collegate fra loro con dadi, bulloni e golfari. Inoltre sono stati inseriti dei tiranti tra i diversi portali, sia superiormente che inferiormente, e posti in trazione tramite dei tenditori a vite, garantendo l’irrigidimento dell’intera struttura. I pannelli sono incastrati in modo da consentire la loro completa continuità, partecipando così alla resistenza statica del modulo. È possibile modificare la dimensione longitudinale del modulo edilizio semplicemente variando il numero dei portali. La modularità e la componibilità degli elementi permette infatti di realizzare, con modeste modifiche, moduli di differenti geometrie che possono facilmente essere composti e ricomposti anche in ambiti e luoghi differenti.